Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Fattura Eletronica Pa Xml


  • Please log in to reply
8 risposte a questa discussione

#1 atacry

atacry

    Ricaricatore folle!!!

  • Mascotte
  • 15068 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Feedback Mercatino Positivi:10
  • PSM: www.centroata.com

Inviato 01 July 2014 - 09:22 PM

io utilizzo per la fatturazione excel oppure openoffice od liberioffice .

dove ho tutto l' archivio fatture e l' archivio clienti in un unico file sdiviso in vari fogli di lavoro

quando voglio salvare una fattura singola la esporto in PDF , ma la publica amministrazione vuole adesso le fatture via email certificata con firma digitale in formato XML .

come firmare e come inviarla via posta certificata non è un grosso problema

 

il problema è come esportare una solo foglio cioe la singola fattura in formato XML .

alcune linee guida le hi trovate qui ma non ci ho capito molto

Please Login HERE or Register HERE to see this link!



programma e manuale

Please Login HERE or Register HERE to see this link!




La FatturaPA è una fattura elettronica ai sensi dell'articolo 21, comma 1, del DPR 633/72 ed è la sola tipologia di fattura accettata dalle Amministrazioni che, secondo le disposizioni di legge, sono tenute ad avvalersi del Sistema di Interscambio.

La FatturaPA ha le seguenti caratteristiche:

il contenuto è rappresentato, in un file XML (eXtensible Markup Language), secondo il formato della FatturaPA. Questo formato è l' unico accettato dal Sistema di Interscambio.
l' autenticità dell' origine e l' integrità del contenuto sono garantite tramite l' apposizione della firma elettronica qualificata di chi emette la fattura,
la trasmissione è vincolata alla presenza del codice identificativo univoco dell'ufficio destinatario della fattura riportato nell' Indice delle Pubbliche Amministrazioni.

Per la firma del file FatturaPA consultare la sezione Firmare la FatturaPA.

Il formato della FatturaPA

Please Login HERE or Register HERE to see this link!



Il contenuto informativo della FatturaPA prevede le informazioni da riportare obbligatoriamente in fattura in quanto rilevanti ai fini fiscali secondo la normativa vigente; in aggiunta a queste il formato prevede l’indicazione obbligatoria delle informazioni indispensabili ai fini di una corretta trasmissione della fattura al soggetto destinatario attraverso il Sistema di Interscambio.
Per favorire l’automazione informatica del processo di fatturazione, a integrazione delle informazioni obbligatorie, il formato prevede anche la possibilità di inserire nella fattura ulteriori dati:

informazioni utili per la completa dematerializzazione del processo di ciclo passivo attraverso l’ integrazione del documento fattura con i sistemi gestionali e/o con i sistemi di pagamento;
informazioni che possono risultare di interesse per esigenze informative concordate tra Operatori economici e Amministrazioni pubbliche oppure specifiche dell’ emittente, con riferimento a particolari tipologie di beni e servizi, o di utilità per il colloquio tra le parti.

Per approfondire

Per scaricare il formato della FatturaPA visitare la sezione Documentazione FatturaPA di questo sito.


File, fatture e messaggi

Il Sistema di Interscambio distingue tre tipi di file:

file FatturaPA: file XML firmato digitalmente conforme alle specifiche del formato della FatturaPA. Può contenere:
una fattura singola (un solo corpo fattura)
un lotto di fatture (più corpi fattura con la stessa intestazione).

Per la firma del file FatturaPA consultare la sezione Firmare la FatturaPA.
file archivio: file compresso (esclusivamente nel formato zip) contenente uno o più file FatturaPA.

Il sistema elabora l’archivio controllando e inoltrando al destinatario i singoli file FatturaPA contenuti al suo interno. Di fatto i file FatturaPA vengono trattati come se venissero trasmessi singolarmente.

Si precisa che il file archivio non deve essere firmato ma devono essere firmati, invece,tutti i file FatturaPA al suo interno.
file messaggio: file XML conforme a uno schema (xml schema) descritto dal file: MessaggiTypes_v1.1.xsd scaricabile nella sezione Documentazione Sistema di Interscambio di questo sito.

Un file messaggio può essere:
una notifica di scarto: messaggio che SdI invia al trasmittente nel caso in cui il file trasmesso (file FatturaPA o file archivio) non abbia superato i controlli previsti;
un file dei metadati: file che SdI invia al destinatario, insieme al file FatturaPA;
una ricevuta di consegna: messaggio che SdI invia al trasmittente per certificare l’avvenuta consegna al destinatario del file FatturaPA;
una notifica di mancata consegna: messaggio che il SdI invia al trasmittente per segnalare la temporanea impossibilità di recapitare al destinatario il file FatturaPA;
una notifica di esito committente: messaggio facoltativo che il destinatario può inviare al SdI per segnalare l’accettazione o il rifiuto della fattura ricevuta; la segnalazione può pervenire al SdI entro il termine di 15 giorni;
una notifica di esito: messaggio con il quale il SdI inoltra al trasmittente la notifica di esito committente eventualmente ricevuta dal destinatario della fattura;
uno scarto esito committente: messaggio che il SdI invia al destinatario per segnalare un’eventuale situazione di non ammissibilità o non conformità della notifica di esito committente;
una notifica di decorrenza termini: messaggio che il SdI invia sia al trasmittente sia al destinatario nel caso in cui non abbia ricevuto notifica di esito committente entro il termine di 15 giorni dalla data della ricevuta di consegna o dalla data della notifica di mancata consegna ma solo se questa sia seguita da una ricevuta di consegna. Con questa notifica il SdI comunica al destinatario l’impossibilità di inviare, da quel momento in poi, notifica di esito committente e al trasmittente l’impossibilità di ricevere notifica di esito;
una attestazione di avvenuta trasmissione della fattura con impossibilità di recapito: messaggio che il SdI invia al trasmittente nei casi di impossibilità di recapito del file all’amministrazione destinataria per cause non imputabili al trasmittente (amministrazione non individuabile all’interno dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni oppure problemi di natura tecnica sul canale di trasmissione);

Il Sistema di Interscambio attribuisce a ogni tipologia di file messaggio una nomenclatura differente. Per maggiori approfondimenti sulla nomenclatura dei file messaggio consultare l'Allegato B-1 del documento Specifiche tecniche relative al Sistema di Interscambio disponibile nella sezione Documentazione Sistema di Interscambio di questo sito.

Tutti i messaggi prodotti ed inviati dal Sistema di Interscambio, a eccezione del file dei metadati, vengono firmati elettronicamente mediante una firma elettronica avanzata di tipo XAdES-Bes.

La notifica di esito committente, unica notifica inviata dal destinatario al SdI, prevede la possibilità di essere firmata elettronicamente, sempre in modalità XAdES-Bes, in via facoltativa. Per maggiori approfondimenti sulla notifica di esito committente consultare la sezione Esplicitare l'esito per la FatturaPA.

Di seguito una rappresentazione del flusso dei messaggi:
flusso messaggi

Flusso semplificato

Esiste un flusso semplificato che può essere adottato da coloro che interagiscono con il Sistema di interscambio in veste sia di trasmittente che di ricevente tramite il medesimo canale trasmissivo; in questo caso il flusso dei messaggi subisce delle variazioni per consentire una maggiore efficienza nel processo di trasmissione delle fatture elettroniche e delle relative notifiche.



In particolare:

il file FatturaPA,
la notifica di esito al trasmittente

non vengono recapitati poiché sono già a disposizione di colui che li trasmette.

L'iter del processo prosegue con le tradizionali fasi del flusso come se i file fossero stati correttamente trasmessi.

L'opzione di “Flusso semplificato” è associata al canale accreditato per la trasmissione/ricezione dei file; pertanto gli Intermediari che intendono aderire al flusso semplificato, possono dichiararlo all'atto dell'accreditamento del canale nella sezione Accreditare il canale di questo sito.

NB: l'opzione “Flusso semplificato” è disponibile per i canali trasmissivi Web-service, Porta di Dominio e FTP ma non per i canali PEC e invio web in quanto quest'ultimi due non necessitano di un accreditamento preventivo presso il Sistema di Interscambio.

Di seguito una rappresentazione del "Flusso semplificato":
flusso messaggi

Documentazione Sistema di Interscambio in vigore
Specifiche tecniche

Specifiche tecniche relative al Sistema di Interscambio versione 1.1 - pdf - 301 kb
Elenco controlli versione 1.1 - pdf - 208 kb

Messaggi

MessaggiTypes_v1.1.xsd - xsd - 14 kb

Esempi di file messaggio e relativi fogli di stile

Per visualizzare il file messaggio attraverso il relativo foglio di stile occorre scaricare entrambi i files nella stessa cartella.

Esempio di Notifica di scarto versione 1.0 - xml - 4 kb
Foglio di stile per la visualizzazione della Notifica di scarto versione 1.0 - xslt - 6 kb
Esempio di Ricevuta di consegna versione 1.0 - xml - 4 kb
Foglio di stile per la visualizzazione della Ricevuta di consegna versione 1.0 - xslt - 6 kb
Esempio di Notifica di mancata consegna versione 1.0 - xml - 4 kb
Foglio di stile per la visualizzazione della Notifica di mancata consegna versione 1.0 - xslt - 5 kb
Esempio di File dei metadati versione 1.0 - xml - 4 kb
Foglio di stile per la visualizzazione del File dei metadati versione 1.0 - xslt - 5 kb
Esempio di Notifica di esito committente 1.0 - xml - 4 kb
Foglio di stile per la visualizzazione della Notifica di esito committente versione 1.0 - xslt - 5 kb
Esempio di Notifica di scarto esito committente versione 1.0 - xml - 4 kb
Foglio di stile per la visualizzazione della Notifica di scarto esito committente versione 1.0 - xslt - 6 kb
Esempio di Notifica di esito versione 1.0 - xml - 4 kb
Foglio di stile per la visualizzazione della Notifica di esito versione 1.0 - xslt - 7 kb
Esempio di Notifica di decorrenza termini versione 1.0 - xml - 4 kb
Foglio di stile per la visualizzazione della Notifica di decorrenza termini versione 1.0 - xslt - 6 kb
Esempio di Attestazione di avvenuta trasmissione con impossibilità di recapito versione 1.1 - xml - 4 kb
Foglio di stile per la visualizzazione della Attestazione di avvenuta trasmissione con impossibilità di recapito versione 1.1 - xslt - 5 kb

Servizio SDICoop - Servizio SPCoop

Esempio di generazione delle CSR mediante l'utilizzo di comandi OpenSSL (per utenti esperti) - pdf - 79 kb

Trasmissione

Istruzioni per il servizio SDICoop - Trasmissione versione 1.1 - pdf - 412 kb
Istruzioni per il servizio SPCoop - Trasmissione versione 1.1 - pdf - 413 kb
TrasmissioneFatture_v1.1.wsdl - wsdl - 5 kb
SdIRiceviFile_v1.0.wsdl - wsdl - 3 kb
TrasmissioneTypes_v1.0.xsd - xsd - 4 kb
TrasmissioneTypes_v1.1.xsd - xsd - 4 kb

Ricezione

Istruzioni per il servizio SDICoop - Ricezione versione 1.0 - pdf - 307 kb
Istruzioni per il Servizio SPCoop-Ricezione versione 1.0 - pdf - 307 kb
SdIRiceviNotifica_v1.0.wsdl - wsdl - 3 kb
RicezioneFatture_v1.0.wsdl - wsdl - 3 kb
RicezioneTypes_v1.0.xsd - xsd - 4 kb

Servizio SDIFTP

Istruzioni per il servizio SDIFTP versione 1.1 - pdf - 794 kb
FtpTypes_v1.1.xsd - pdf - 4 kb

Fattura elettronica: come si effettua l’invio alla PA
Come trasmettere la fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione: guida alla procedura secondo la normativa vigente da giugno 2014 tramite il sistema di controllo e trasmissione.
Nicola Santangelo - 18 giugno 2014

63
50
11
0

DURC online

La trasmissione di una fattura elettronica in formato XML alla PA, obbligatoria a partire dal 6 giugno verso ministeri, agenzia fiscali ed enti di previdenza, avviene attraverso il Sistema di Interscambio (SdI), gestito dall’Agenzia delle Entrate tramite Sogei in qualità di soggetto deputato alla sua realizzazione. Un software riceve il file trasmesso dalle aziende fornitrici con la fattura conforme ai requisiti imposti, li controlla e li invia alle amministrazioni destinatarie.
=> Fattura elettronica verso la PA dal 6 Giugno: guida rapida

Il sistema riconosce tre tipi di file:

file fattura in XML sul modello scaricabile dal sito www.fatturapa.gov.it, firmato digitalmente e conforme alle specifiche delle fatture elettroniche per la PA;
file compresso esclusivamente in formato zip contenente uno o più file fattura;
file messaggio in formato XML conforme allo schema descritto dal file MessaggiTypes.xsd scaricabile dallo stesso sito; è la risposta del SdI alla trasmissione dei dati e può essere una ricevuta di consegna o una notifica di scarto, mancata consegna, esito, file non recapitabile e così via.

L’accesso al Sistema di Interscambio per la trasmissione delle fatture richiede le credenziali Entratel / Fisconline o una Carta Nazionale dei Servizi. Per usare il SdI è necessario che il fornitore sia anche dotato di casella PEC, aderisca e sottoscriva l’accordo di servizio e definisca un accordo per disciplinare la trasmissione della fattura e i relativi messaggi di notifica attraverso protocolli di “file transfer” all’interno di circuiti chiusi che identificano in modo certo i partecipanti e assicurano la sicurezza del canale.
Invio fattura

Invio fatture via PEC. La fattura elettronica può essere inviata tramite Posta Elettronica Certificata. Il file da trasmettere, di dimensione non superiore a 30 mega, costituisce l’allegato del messaggio di posta. La prima volta che il soggetto intende inviare la fattura per PEC deve inviare il messaggio e i relativi allegati all’indirizzo di posta certificata del SdI pubblicato sul sito www.fatturapa.gov.it. In questo modo il SdI comunica al mittente l’indirizzo PEC sa usare per le successive trasmissioni, fornendo un indirizzo dedicato per ogni soggetto.
Invio fatture via Web. L’invio delle fatture online avviene tramite la funzione di trasmissione telematica disponibile nella sezione “Inviare la FatturaPA” del sito www.fatturapa.gov.it: è possibile trasmettere la singola fattura o l’archivio di fatture la cui dimensione non può superare i 5 mega. A invio effettuato verrà rilasciata ricevuta di consegna o eventuale notifica di scarto.
Altri metodi di invio. La trasmissione della fattura può essere effettuata anche secondo altre modalità: cooperazione applicativa su rete Internet, porte di dominio in ambito SPCoop, sistema di trasmissione dati tra terminali remoti basato su protocollo FTP. Per i dettagli si rimanda al sito www.fatturapa.gov.it. Tutti i canali prevedono l’invio di notifiche sull’esito della trasmissione.

=> Fattura Elettronica: Guida per fornitori del Fisco
Ricevute e notifiche

Ricevuto il file, SdI assegna un identificativo alla pratica ed effettua le verifiche. In caso di esito negativo invia notifica di scarto al soggetto mittente. Diversamente trasmette le fattura al destinatario e, contestualmente, invia al mittente ricevuta di consegna. Qualora, nonostante il buon esito della pratica, non fosse possibile trasmettere il file al destinatario per cause non imputabili a SdI, verrà inviata al mittente notifica di mancata consegna. Il Sistema tenterà, comunque, di recapitare la fattura per i 15 giorni successivi, decorsi i quali invierà al mittente notifica definitiva di file non recapitabile. Per ogni fattura recapitata, SdI riceve notifica di accettazione o rifiuto della fattura da parte dell’Amministrazione e provvede a inoltrarla al soggetto trasmittente a completamento del ciclo di comunicazione degli esiti della trasmissione della fattura elettronica. Non ricevendo alcuna notifica, SdI provvederà a inoltrare la notifica di decorrenza dei termini al mittente e alla PA che ha ricevuto la fattura.
=>Fatturazione Elettronica: nuove regole per 2 milioni di imprese
Controlli SdI

Nomenclatura e unicità del file o fattura (per evitare invii doppi);
Dimensioni del file;
Integrità del documento (nessuna modifica dopo l’apposizione della firma);
Autenticità del certificato di firma (non deve essere scaduto, revocato o sospeso);
Conformità del formato della fattura;
Validità del contenuto della fattura.

=> Fattura elettronica verso la PA: FAQ e chiarimenti operativi
Controlli via App

Prima di inviare la fattura alla PA, l’Agenzia delle Entrate offre alle aziende uno strumento di controllo della conformità rispetto ai requisiti: l’eventuale presenza di errori viene segnalata indicando il tipo di anomalia e suggerendo il correttivo da effettuare. In questa app mancano i controlli su unicità del nome del file, dell’identificativo progressivo della fattura e l’esistenza o meno del CodiceDestinatario

 

Esportare dati XML

Dopo avere importato dati XML, mappato i dati alle celle nel foglio di lavoro e apportato modifiche ai dati, è spesso necessario esportare o salvare i dati in un file XML file. Per esportare dati XML da un foglio di lavoro di Microsoft Office Excel 2007, è possibile procedere in due modi:

  • È consigliabile utilizzare il comando Esporta nel gruppo XML della scheda Sviluppo per estrarre i dati XML dal foglio di lavoro.
  • Per assicurare la compatibilità con le funzionalità XML di versioni precedenti, è comunque possibile scegliere Altri formati dal sottomenu Salva con nome che viene visualizzato facendo clic sul pulsante Microsoft Office ZA010077102.gif.

In questo articolo
  • Please Login HERE or Register HERE to see this link!

  • Please Login HERE or Register HERE to see this link!

  • Please Login HERE or Register HERE to see this link!

  • Please Login HERE or Register HERE to see this link!

Processo di base per l'utilizzo di dati XML in Excel

Nel diagramma seguente viene illustrata l'interazione tra file e operazioni quando si utilizza il formato XML con Excel. Il processo è costituito essenzialmente da cinque fasi:

ZA001142587.gif

ZA001093948.gif Aggiunta di un file di schema XML (xsd) a una cartella di lavoro.
ZA001093949.gif Mappatura di elementi dello schema XML a singole celle o tabelle XML.
ZA001093950.gif Importazione di un file di dati XML (xml) ed esecuzione del binding degli elementi XML alle celle mappate.
ZA001093951.gif Immissione dei dati, spostamento delle celle mappate e utilizzo delle funzionalità di Excel con mantenimento della struttura e delle definizioni XML.
ZA001093952.gif Esportazione dei dati rivisti dalle celle mappate in un file di dati XML.

Please Login HERE or Register HERE to see this link!

Please Login HERE or Register HERE to see this link!

Esportare i dati XML contenuti in celle mappate in un file di dati XML
  1. Se la scheda Sviluppo non è disponibile, visualizzarla effettuando le seguenti operazioni:
    1. Fare clic sul pulsante Microsoft Office ZA010077102.gif , quindi su Opzioni di Excel.
  1. Nella categoria Impostazioni generali in Opzioni principali per l'utilizzo di Excel selezionare la casella di controllo Mostra scheda Sviluppo sulla barra multifunzione, quindi scegliere OK.

 Nota   La barra multifunzione è un componente dell'Interfaccia utente Microsoft Office Fluent.

  1. Nel gruppo XML della scheda Sviluppo fare clic su Esporta.

ZA010177420.gif

 Nota   Se viene visualizzata una piccola finestra di dialogo Esporta XML, fare clic sul mapping XML che si desidera utilizzare, quindi scegliere OK.

La finestra di dialogo Esporta XML viene visualizzata solo se non è stata selezionata una tabella XML e se la cartella di lavoro contiene più mapping XML.

  1. Nella casella Nome file della finestra di dialogo Esporta XML più grande digitare un nome per il file di dati XML.
  2. Fare clic su Esporta.

 Nota   È possibile che la cartella di lavoro contenga intestazioni o etichette diverse rispetto ai nomi degli elementi XML nel mapping XML. Per l'esportazione o il salvataggio dei dati XML dal foglio di lavoro, comunque, vengono sempre utilizzati i nomi degli elementi XML.

Please Login HERE or Register HERE to see this link!

Please Login HERE or Register HERE to see this link!

Salvare i dati XML contenuti in celle mappate in un file di dati XML
  1. Fare clic sul pulsante Microsoft Office ZA010077102.gif, quindi sulla freccia accanto a Salva.

In questo modo, le eventuali modifiche apportate alla cartella di lavoro non andranno perse durante il salvataggio della cartella di lavoro come file di dati XML.

  1. Fare clic sul pulsante Microsoft Office ZA010077102.gif, quindi su Salva con nome e infine su Altri formati.
  2. Nella casella Nome file digitare il nome del file di dati XML.
  3. Nell'elenco Tipo file selezionare Dati XML, quindi fare clic su Salva.
  4. Se viene visualizzato un avviso che indica che il salvataggio del file come dati XML potrebbe determinare la perdita di caratteristiche, fare clic su Continua.

 Nota   Se viene visualizzata una piccola finestra di dialogo Esporta XML, fare clic sul mapping XML che si desidera utilizzare, quindi scegliere OK.

La finestra di dialogo Esporta XML viene visualizzata solo se non è stata selezionata una tabella XML e se la cartella di lavoro contiene più mapping XML.

  1. Nella casella Nome file della finestra di dialogo Esporta XML più grande digitare un nome per il file di dati XML.
  2. Fare clic su Esporta.

 Nota   È possibile che la cartella di lavoro contenga intestazioni o etichette diverse rispetto ai nomi degli elementi XML nel mapping XML. Per l'esportazione o il salvataggio dei dati XML dal foglio di lavoro, comunque, vengono sempre utilizzati i nomi degli elementi XML.

Please Login HERE or Register HERE to see this link!

Please Login HERE or Register HERE to see this link!

Problemi relativi all'esportazione di dati XML

Nella sezione seguente vengono descritti i problemi che possono verificarsi durante l'esportazione di dati XML.

Viene visualizzato un messaggio che indica è possibile esportare il mapping, ma alcuni elementi necessari non sono mappati.

Questo messaggio di errore può essere riconducibile a diverse cause:

  • Il mapping XML associato alla tabella XML contiene uno o più elementi necessari che non sono mappati alla tabella XML.

Nell'elenco gerarchico di elementi del riquadro attività Origine XML gli elementi necessari sono contrassegnati da un asterisco rosso nell'angolo superiore destro dell'icona posta a sinistra di ogni elemento. Per eseguire il mapping di un elemento necessario, trascinarlo nella posizione del foglio di lavoro in cui si desidera inserirlo.

  • L'elemento è una struttura ricorsiva.

Un esempio comune di struttura ricorsiva è quello di una gerarchia di dipendenti e responsabili in cui gli stessi elementi XML sono nidificati su più livelli. Anche se sono stati mappati tutti gli elementi nel riquadro attività Origine XML, Excel non supporta le strutture ricorsive con più livelli di nidificazione e pertanto non è in grado di eseguire il mapping di tutti gli elementi.

  • Il contenuto della tabella XML è misto.

Il contenuto è misto quando un elemento contiene un elemento figlio e testo semplice all'esterno di un elemento figlio, ad esempio nel caso in cui vengano utilizzati tag di formattazione, quali i tag del grassetto, per contrassegnare i dati all'interno di un elemento. Sebbene sia possibile visualizzare l'elemento figlio (se supportato da Excel), il contenuto testuale viene perso durante l'importazione dei dati e non è disponibile durante l'esportazione dei dati.

Durante l'esportazione di dati XML viene visualizzato un messaggio che indica che i mapping XML nella cartella di lavoro non sono esportabili.

Non è possibile esportare un mapping XML se non viene mantenuta la relazione dell'elemento mappato con altri elementi. I motivi per cui non è possibile mantenere la relazione sono i seguenti:

  • La definizione dello schema per un elemento mappato è inclusa in una sequenza con gli attributi seguenti:
    • L'attributo maxoccurs è diverso da 1.
    • La sequenza include la definizione di più elementi figlio diretti oppure l'elemento figlio diretto è rappresentato da un altro compositore.
  • Elementi di pari livello non ripetuti con lo stesso elemento padre ripetuto sono mappati a tabelle XML diverse.
  • Più elementi ripetuti sono mappati alla stessa tabella XML e la ripetizione non è definita da un elemento predecessore.
  • Elementi figlio di elementi padre diversi sono mappati allo stesso elenco XML.

Inoltre, il mapping XML non può essere esportato se contiene uno dei seguenti costrutti di schema XML:

  • Elenco di elenchi    Un elenco di voci contiene un secondo elenco di voci.
  • Dati denormalizzati    Una tabella XML include un elemento per cui è prevista una sola occorrenza in base alla definizione dello schema (attributo maxoccurs impostato su 1). Quando si aggiunge un elemento di questo tipo a una tabella XML, Excel riempie la colonna della tabella con più istanze dell'elemento.
  • Scelta    Un elemento mappato fa parte di un costrutto di schema <choice>.
Quando si salva la cartella di lavoro come dati XML, viene visualizzato un messaggio che indica che la cartella di lavoro non può essere salvata perché non contiene mapping XML.

La cartella di lavoro può essere salvata nel file di dati XML solo se vengono creati uno o più intervalli mappati.

Se è stato aggiunto un mapping XML alla cartella di lavoro, effettuare le seguenti operazioni per eseguire il mapping degli elementi XML al foglio di lavoro:

  1. Se la scheda Sviluppo non è disponibile, visualizzarla effettuando le seguenti operazioni:
    1. Fare clic sul pulsante Microsoft Office ZA010077102.gif , quindi su Opzioni di Excel.
  1. Nella categoria Impostazioni generali in Opzioni principali per l'utilizzo di Excel selezionare la casella di controllo Mostra scheda Sviluppo sulla barra multifunzione, quindi scegliere OK.
  1. Nel gruppo XML della scheda Sviluppo fare clic su Origine.

ZA010177420.gif

Verrà visualizzato il riquadro attività Origine XML.

  1. Per eseguire il mapping di uno o più elementi al foglio di lavoro, selezionare gli elementi desiderati nel riquadro attività Origine XML. Per selezionare elementi non adiacenti, fare clic sui singoli elementi tenendo premuto CTRL.
  2. Trascinare gli elementi selezionati nella posizione del foglio di lavoro in cui si desidera inserirli.

Se non è ancora stato aggiunto un mapping XML alla cartella di lavoro o se i dati non sono contenuti in una tabella XML, salvare la cartella di lavoro in formato Cartella di lavoro con attivazione macro di Excel (xlsm).

 

 

Salvare o esportare dati XML

 Nota   Le caratteristiche XML, con l'eccezione del salvataggio di file nel formato foglio di calcolo XML, sono disponibili solo in Microsoft Office Professional Edition 2003 e Microsoft Office Excel 2003.

Esistono diversi metodi per salvare o esportare il contenuto del foglio di lavoro in un file di dati XML. Scegliere il metodo appropriato.

ZA079005001.gifSalvare il contenuto di un intervallo mappato in un file di dati XML.

  1. Scegliere Salva dal menu File.

Questo passaggio assicura che eventuali modifiche apportate alla cartella di lavoro non vadano perdute durante il salvataggio come file di dati XML.

  1. Scegliere Salva con nome dal menu File.
  2. Nella casella Nome file digitare il nome del file di dati XML.
  3. Nell'elenco Tipo file selezionare Dati XML.
  4. Fare clic su Salva.
  5. Quando viene visualizzato un avviso per indicare che il salvataggio del file come dati XML potrebbe determinare la perdita di caratteristiche, fare clic su Continua.
  6. Se viene visualizzata la finestra di dialogo Esporta XML, selezionare il mapping XML che si desidera utilizzare, quindi fare clic su OK.

La finestra di dialogo Esporta XML viene visualizzata solo se sono stati aggiunti più mapping XML alla cartella di lavoro.

 Nota   A questo punto, la cartella di lavoro attiva è il file di dati XML. Se si desidera continuare a utilizzare la cartella di lavoro originale, è necessario chiudere il file di dati XML e riaprire la cartella di lavoro originale.

ZA079005001.gifEsportare il contenuto di un intervallo mappato in un file di dati XML.

  1. Sulla barra degli strumenti Elenco fare clic su EsportaZA001046809.gif.
  2. Se viene visualizzata la finestra di dialogo Esporta XML, selezionare il mapping XML che si desidera utilizzare, quindi fare clic su OK.

La finestra di dialogo Esporta XML viene visualizzata solo se sono stati aggiunti più mapping XML alla cartella di lavoro.

  1. Nella casella Nome file digitare il nome del file di dati XML.
  2. Fare clic su Esporta.

ZA079005001.gifSalvare il contenuto della cartella di lavoro nel formato di file Foglio di calcolo XML.

  1. Scegliere Salva con nome dal menu File.
  2. Nella casella Nome file digitare il nome del file.
  3. Nell'elenco Tipo file selezionare Foglio di calcolo XML.
  4. Fare clic su Salva.

 


HAI VISTO CHE UPLOAD ?


http://www.speedtest...sult/4623450499
 
4623450499.png

www.centroata.com

#2 adl-roma

adl-roma

    Collaboratore

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1850 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Città:Roma

Inviato 11 August 2014 - 10:03 AM

Atacry, ma ti sei dimenticato che siamo in Italia, certe regole valgono per fatture di alti importi fatte con gare pubbliche ecc.

pensi che i vari ministeri (ed a Roma ce ne sono diversi), quando comprano le Bic al cartolaio sotto il ministero, ricevano una fattura come quella che descrivi.

Mandagli una fattura scannerizzata in formato PDF, e ti assicuro che se sono soddisfatti del tuo lavoro o te la pagano o ti aiutano per filo e per segno a fare una fattura che verra' accettata.

:adlroma:


Sign by Danasoft - For Backgrounds and Layouts


#3 atacry

atacry

    Ricaricatore folle!!!

  • Mascotte
  • 15068 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Feedback Mercatino Positivi:10
  • PSM: www.centroata.com

Inviato 16 August 2014 - 10:34 PM

Atacry, ma ti sei dimenticato che siamo in Italia, certe regole valgono per fatture di alti importi fatte con gare pubbliche ecc.

pensi che i vari ministeri (ed a Roma ce ne sono diversi), quando comprano le Bic al cartolaio sotto il ministero, ricevano una fattura come quella che descrivi.

Mandagli una fattura scannerizzata in formato PDF, e ti assicuro che se sono soddisfatti del tuo lavoro o te la pagano o ti aiutano per filo e per segno a fare una fattura che verra' accettata.

adlroma.gif

hai ragione

a me acquistano tutto e pagano regolarmente con fattura in pdf

 

pecato che però 3 miei clienti che lavorano per il ministero della difesa sinquando non sono riuscito a fargli emettere la fatura in formato XML non gli hanno pagati e non gli hanno nemmeno dato nessuna informazione in merito .

 

i miei tre clienti debbono fatturare rispettivamente uno 30 mila euro e l' altro 12 mila euro e l' ultimo 120 mila euro

 

quindi di sbagli di grosso

 

dal anno prossimo tutti gli enti sono obligati a ricevere fature solo nel formato xml .

 

poi chiaramente la ricevuta fiscale o lo scontirn viene pagato senza problemi .

 

idem tutto cio che passa per economato viene pagato alla mano senza fature eletroniche


HAI VISTO CHE UPLOAD ?


http://www.speedtest...sult/4623450499
 
4623450499.png

www.centroata.com

#4 atacry

atacry

    Ricaricatore folle!!!

  • Mascotte
  • 15068 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Feedback Mercatino Positivi:10
  • PSM: www.centroata.com

Inviato 16 August 2014 - 10:36 PM

comunque una volta capito il sistema creare la fttura eletronica è una stupidagine


HAI VISTO CHE UPLOAD ?


http://www.speedtest...sult/4623450499
 
4623450499.png

www.centroata.com

#5 adl-roma

adl-roma

    Collaboratore

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1850 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Città:Roma

Inviato 17 December 2014 - 09:27 AM

Se ancora non hai risolto puoi sempre dare un'occhiata

Please Login HERE or Register HERE to see this link!

:adlroma:


Sign by Danasoft - For Backgrounds and Layouts


#6 atacry

atacry

    Ricaricatore folle!!!

  • Mascotte
  • 15068 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Feedback Mercatino Positivi:10
  • PSM: www.centroata.com

Inviato 20 December 2014 - 04:43 PM

Se ancora non hai risolto puoi sempre dare un'occhiata

Please Login HERE or Register HERE to see this link!

adlroma.gif

grazie gia risolto con un programma free/trial


HAI VISTO CHE UPLOAD ?


http://www.speedtest...sult/4623450499
 
4623450499.png

www.centroata.com

#7 atacry

atacry

    Ricaricatore folle!!!

  • Mascotte
  • 15068 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Feedback Mercatino Positivi:10
  • PSM: www.centroata.com

Inviato 20 March 2015 - 06:50 PM

il tempo ormai è quasi giunto


HAI VISTO CHE UPLOAD ?


http://www.speedtest...sult/4623450499
 
4623450499.png

www.centroata.com

#8 adl-roma

adl-roma

    Collaboratore

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1850 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Città:Roma

Inviato 20 March 2015 - 07:00 PM

grazie gia risolto con un programma free/trial

Fa sapere a tutti cos'e' questo programma free/trial (eventualmente anche link dove scaricarlo)

:adlroma:


Sign by Danasoft - For Backgrounds and Layouts


#9 atacry

atacry

    Ricaricatore folle!!!

  • Mascotte
  • 15068 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Feedback Mercatino Positivi:10
  • PSM: www.centroata.com

Inviato 13 April 2015 - 07:52 AM

winfatt


HAI VISTO CHE UPLOAD ?


http://www.speedtest...sult/4623450499
 
4623450499.png

www.centroata.com




2 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 2 ospiti, 0 utenti anonimi