Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Blackberry, Un Altro Stop; Ecco Perché Fa Paura


  • Please log in to reply
1 risposta a questa discussione

#1 arkin

arkin

    The JUMPER of wwsmsclient

  • Moderatore
  • 3061 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Città:Catania
  • PSM: quello che non ho è quel che non mi manca (Fabrizio De Andrè)

Inviato 04 August 2010 - 07:13 PM

Dopo gli Emirati, anche l'Arabia Saudita annuncia il blocco dei servizi per le piattaforme Rim. E l'India chiede di poter intercettare le email. Ecco perché questi smartphone sono così invisi ai governi.

Immagine inserita

La tecnologia Blackberry fa paura ai governi del Golfo e ora anche all'India: l'impossibilità di intercettare e decodificare le comunicazioni personali grazie alla tecnologia messa a punto dall'azienda canadese Rim sta portando a una serie di atti censori da parte delle istituzioni locali.
L'Arabia Saudita ha chiesto la sospensione dei servizi di comunicazione mobile specifici degli smartphone Blackberry, attraverso il blocco delle connessioni a livello di operatore telefonico, dal 6 agosto 2010.
Il motivo ufficiale sta nella non conformità dei servizi Blackberry alle disposizioni in materia di comunicazione elettronica, secondo le autorità locali. A rischio ci sarebbe la sicurezza nazionale, a causa del peculiare sistema di gestione della rete dei palmari Blackberry.
Il controllo diretto della rete di comunicazione è infatti totalmente di Rim, mentre per gli altri smartphone, che siano Nokia o Apple, il problema non esiste. L'annuncio del blocco nel regno Saudita segue quello degli Emirati Arabi Uniti, che ha bloccato i servizi Blackberry lo scorso 11 ottobre.

Niente email.
Il blocco richiesto copre tutti i servizi per cui un individuo compra un Blackberry.
E quindi e-mail push, messaggi istantanei, sms.
E non solo per i residenti: turisti e professionisti non sono esentati.
Al momento le richieste della Commissione per le comunicazioni e la tecnologia (Citc) non sono motivate nel dettaglio.
L'autorità fa sapere soltanto di aver chiesto a Rim e agli operatori telefonici di verificare la conformità dei servizi Blackberry alle regole locali oltre un anno fa.
Il "periodo di grazia" per esaminare e mantenere la licenza scade il 6 agosto, come riporta il quotidiano Arab News.
Ma se i motivi ufficiali della sospensione sono chiari, il Citc non spiega esattamente quali siano le regole che il protocollo Blackberry violerebbe.
Tanto che dalla Rete si solleva più di qualche sospetto sulle reali motivazioni del blocco, che avrebbero a che fare con la libertà di espressione e soprattutto con il prezzo del petrolio e il controllo sulle comunicazioni in questo senso.
Un controllo comunque di portata sensibile: tra Arabia e Emirati, sarebbero quasi un milione e mezzo gli utenti Blackberry, 750mila nel primo caso e 500mila nel secondo.
L'associazione Reporter senza frontiere parla apertamente di volontà di censura e controllo preventivo da parte del regno Saudita, impossibili sugli apparecchi Rim e sul loro sistema proprietario di scambio dati.

Guai anche in India.
Il Governo indiano ha esplicitamente chiesto a Rim di rendere disponibile, in caso di necessità, i dati delle comunicazioni Blackberry, ma l'azienda risponde di essere impossibilitata ad accedere a queste comunicazioni per la mancanza di una chiave software di decrittazione che, sulla piattaforma Blackberry, è riservata esclusivamente all'utente.
Rim si dichiara disponibile a collaborare col governo per risolvere falle di sicurezza ma non fornire possibilità di controllo sui dati criptati degli utenti, come invece riportato da alcune fonti negli ultimi giorni. La questione indiana è spinosa per la delicata situazione politica interna.
Il Governo vede nell'impenetrabilità delle comunicazioni Blackberry un rischio per la sicurezza se terroristi dovessero adottarla come piattaforma.
Anche in questo caso, il governo sta valutando se rendere inaccessibili i servizi Blackberry, in un paese che conta già oltre un milione di abbonati.

( fonte repubblica.it, 4 agosto 2010 )

:)

#2 arkin

arkin

    The JUMPER of wwsmsclient

  • Moderatore
  • 3061 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Città:Catania
  • PSM: quello che non ho è quel che non mi manca (Fabrizio De Andrè)

Inviato 07 August 2010 - 05:25 PM

Blackberry cede a Riad. Accordo sul criptaggio

A 48 ore dal bando dello smartphone in Arabia Saudita, l'azienda canadese avrebbe accettato che le autorità possano accedere ai servizi criptati di messaggeria

Immagine inserita

Blackberry cede all'Arabia Saudita e raggiunge un accordo sui suoi servizi criptati di messaggeria per evitare il blocco imposto dal paese arabo. Lo hanno rivelato alle agenzie internazionali funzionari di tre società di telecomunicazioni saudite impegnate in questi ultimi giorni in un negoziato serrato che ora si sarebbe concluso con un compromesso. 'E' stato trovato virtualmente un accordo" con l'Arabia saudita e "si stanno mettendo a punto gli ultimi dettagli", ha spiegato il funzionario di uno dei tre operatori di telefonia mobile del paese, che però ha preferito mantenere l'anonimato. La tv satellitare Al-Arabiya, citando una fonte saudita, ha riferito che la casa madre del Blackberry - la canadese Rim - ha dato un consenso di massima per fornire alle autorità del paese un software per decifrare i messaggi e le e-mail che vengono inviati tramite lo smartphone.

Il bando in Arabia Saudita era scattato il 6 agosto, ma non è solo il governo di Riad a minacciare ritorsioni contro l'azienda canadese per la sua particolare tecnologia che rende inaccessibili i dati scambiati. Anche Gli Emirati arabi uniti, l'India, l'Indonesia e la Turchia avevano espresso preoccupazioni. Anche il governo degli Stati Uniti è intervenuto nella polemica, difendendo il diritto alla privacy e alla libera espressione e accessi degli utenti di Blackberry in questi paesi. Anche se il segretario di Stato Hillary Clinton ha precisato che "esistono legittime preoccupazioni per la sicurezza" di cui tener conto. Gli Usa sono impegnati in colloqui con le autorità degli Emirati per tentare di dirimere la questione.

L'accordo risponde anche alle forti pressioni della comunità imprenditoriale e finanziaria saudita, che utilizza in massa il Blackberry e che era insorta all'annuncio del blocco.



( fonte repubblica.it, 7 agosto 2010 )

:)




1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi