Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Alta Definizione Delle Immagini 1080p24 - 1080i -720p, Upscaling, Deinterlace


  • Please log in to reply
Nessuna risposta a questa discussione

#1 atacry

atacry

    Ricaricatore folle!!!

  • Mascotte
  • 15068 Messaggi:
  • Sesso:maschio
  • Feedback Mercatino Positivi:10
  • PSM: www.centroata.com

Inviato 14 July 2010 - 10:57 PM

vi avviso io non ho capito una mazza


l’ introduzione dell’ alta definizione nelle nostre case; questo thread è per chi deve partire da zero e non capisce più nulla fra 1080p24 - 1080i -720p, upscaling, deinterlacer

PARTE 1_

DEINTERLACER-DEINTERLACING.

Il mondo dell’ HD si trascina dietro il problema della compatibilità con i vecchi standard SD … i display digitali, i VPR digitali e tutte le forme maggiormente diffuse per fruire dei contenuti HD sono di tipo progressivo a differenza degli standard SD (NTSC; SECAM, PAL) che sono, per ragioni storiche legate alle capacità di banda dei primitivi televisori, nativamente interlacciati.
Dato che come detto i display digitali funzionano solamente in modalità progressiva è necessario trasformare i segnali interlacciati in progressivi a questa funzione serve il deinterlacer.
I segnali interlacciati che vengono trasmessi dalle TV e/o registrati nei nostri DVD si suddividono in due grandi categorie:

1) Segnali di natura esclusivamente video ove ogni semiquadro che compone l’ immagine interlacciata è una entità a se stante e non riconducibile ad altri semiquadri. (trasmissioni TV come i TG; le partite di calcio ed quasi tutto quello che non è film…

2) Segnali di natura originariamente progressiva ma convertiti in interlacciato (vedi qui per la procedura di telecine

Please Login HERE or Register HERE to see this link!

) per poter essere trasmessi-registrati con gli standard TV SD (interlacciati quindi); questa categoria è quella dei film su DVD e in TV.

Il deinterlacer che è tecnicamente la parte preposta a tradurre in progressivo i segnali interlacciati opererà a questo punto secondo due strategie.

Nel caso 1 dovrà eseguire interpolazioni dei semiquadri al fine di ottenere fotogrammi completi; questa operazione è estremamente delicata ed in questo caso si può verificare la vera capacità da parte del deinterlacer di preservare la risoluzione verticale senza introdurre scalettature o effetti moiré sui dettagli più fini. Nel test “il processore alla sbarra” le caratteristiche della modalità video riguardano il test sulle scalettature, sulla bandiera ed anche per certi versi anche quello dei titoli misti a materiale cinematografico.

Nel caso 2 il deinterlacer dovrà riconoscere la natura originale progressiva ed eseguire operazioni di somma dei semiquadri secondo la sequenza corretta; questa operazione più che un deinterlacing sarebbe bene chiamarla reverse telecine che segue i due grandi filoni cella ricostruzione dei fotogrammi dalla cadenza 2:2 (film in formato PAL) e quella dalla cadenza 2:3 ( NTSC oppure 1080i 60Hz da lettore HD DVD- Blu ray .)
Effettuata correttamente questa operazione l’ elettronica avrà ottenuto rispettivamente 25 fotogrammi progressivi per il segnale PAL e 24 fotogrammi al secondo per il segnale NTSC ai quali applicherà rispettivamente una cadenza 2:2 (PAL) o 3:2 (NTSC) questa volta in formato progressivo. Se il deinterlacer non effettua il telecine perché non riconosce le cadenze in ingresso come materiale cine.. lavorerà come da caso 1 con riduzione della risoluzione verticale, scalettature e (se è veramente scarso) anche tremoli ; esiste anche il caso estremo in cui riconosca il materiale come cine ma applichi il filtro reverse telecine sbagliando la sequenza dei semiquadri ed in questo caso si ottengono le cosiddette spettinature …. (assolutamente inaccettabile). I test sulla modalità cine riguardano tutta la parte definita come “cadenze”; sono particolarmente importanti quelle 3-2 24 fps Film e quella 2-2 25 Pulldown fps Film.

PARTE 2

LO SCALING

Le matrici dei VPR e dei display digitali sono fisse; questo comporta che tutti i segnali in ingresso ad un display – VPR devono essere scalati alla risoluzione nominale della matrice.
Come conseguenza di questa premessa un display con matrice 1360x768 dovrà riscalare con operazioni di interpolazione ad opera delle proprie elettroniche un segnale di tipo PAL dai 720x576 pixel (massimi ammessi dallo standard) a 1360x768.
Questa operazione di interpolazione non comporta alcun miglioramento reale della nitidezza delle immagini; serve semplicemente a riempire totalmente la matrice; Quindi un display Full Hd ricevendo immagini SD non mostra alcun dettaglio in più rispetto ad un HD Ready oppure a un semplice televisore SD. Eventuali vantaggi in termini di nitidezza non dipendono dalla matrice ma dal tipo di collegamento e di trattamento elettronico delle immagini.
Questo spiega il perché spesso (ero tentato di scrivere sempre [biggrin] ) un display Full HD mostra una resa peggiore con i canali televisivi “normali” rispetto ad un display “solo” HD Ready; questo è motivato dal fatto che le elettroniche del primo devono interpolare più del doppio di dati rispetto al secondo ….. con i DVD upscalati esternamente magari il discorso di fa più complesso e riguarda il fatto che un display Full HD viene mappato 1:1 .

Dato che la nitidezza viene percepita come differenza di contrasto all’ interno dell’ immagine ( qualche fotografo parlerebbe di micro contrasto ) spesso viene introdotto con lo scaling una sorta di effetto bordo; la conseguenza è l’ aumento della nitidezza percepita ma l’ uso esasperato del filtro porta anche alla comparsa di artefatti come il ringhing, ovvero aloni che circondano le figure nelle zone ad alto contrasto.
I sistemi evoluti di enfatizzazione della nitidezza agiscono su queste zone limitando l’ effetto di ringing (sto parlando di processori della classe dell’ HQV REALTA)_


PARTE 3
L’ ALTA DEFINIZIONE E IL MITO DEL 1080P24 e dei microscatti…



I film sono realizzati a 24 fotogrammi al secondo; dato che con i nuovi lettori (HD DVD e/o Blu Ray) e display oramai non siamo più legati agli antichi standard (ma fra poco leggerete invece di si) i produttori hanno ben pensato di realizzare i nuovi dischi con il frame rate originale del cinema senza giustamente introdurre la classica accelerazione del 4% della velocità come succedeva nei dischi PAL.
Fino a qui la gioia di noi tutti cinefili è massima finalmente nessuna alterazione a quanto vediamo al cinema!!! Ed invece ecco la delusione immediata L i film vengono registrati si a 1080p24 ed oggi i lettori spesso permettono anche di uscire a questa risoluzione ma la frequenza di refresh del pannello rimae bloccata ai 50Hz oppure a 60Hz…
Questo comporta che i produttori salvo il caso della Pioneer (e forse dell’ ultimo Samsung) adattano la frequenza in ingresso ai 60Hz (ma anche 100Hz in qualche caso) seguendo due tipi di procedura.

1) Applicano loro stessi una cadenza 2:3 permettendo di presentare al pannello immagini 1080p 60Hz ma con l’ effetto di presentare microscatti sui grandi movimenti di masse sullo schermo oppure nelle panoramiche, sorvoli ecc…
2) Eseguono interpolazioni elettroniche di fotogrammi permettendo di ottenere una immagine fluida… anche troppo con effetto soap opera… e introduzione di altri artefatti per gli oggetti in movimento.

Bisogna premettere che la frequenza di refresh di 24Hz che combaci con quella del frame rate del materiale originale non è proponibile; in questo caso sarebbe bastato per ottenere un risultato del tutto analogo al riferimento (che è e sarà sempre il cinema) utilizzare una cadenza 2:2 ottenendo 48Hz di refresh oppure 72/96 Hz e cadenze rispettivamente 3:3; 4:4_

Questa ipotesi è stata utilizzata con notevole successo da Pioneer e francamente ignoro il motivo per cui altri produttori non abbiano fatto la stessa identica cosa.

Sarà che tutti i display sono nati più per in mercato USA dove il Pulldown 2:3 e la mancanza di fluidità è normale…

La risoluzione 1080p24 NON E’ quindi la panacea a tutti i mali e alle storture derivanti dall’ acerbità dell’ HD e NON E’ garanzia di assenza di microscatti (vedi LG 37LF65 recensito da Af Digitale) luglio-agosto 2007.

Qualche altra indicazione sull’ argomento giusto per sfatare qualche mito… un segnale 1080i 60Hz e un segnale 1080p24 trasportano la stessa quantità di dati anzi nel secondo caso ci sono addirittura semiquadri in eccesso… se (e solo se) il deinterlacer del display aggancia correttamente la cadenza 2:3 in uscita dal lettore l’ effetto in termini di fluidità e nitidezza non dovrebbe cambiare in nessun modo, questo comporta che Pioneer già con la serie 5 produce display che attivando il pure cinema advanced su segnali in ingresso a 1080i sono in grado di presentare immagini senza microscatti e veramente cinematografiche in termini di fluidità….

Gli altri produttori stanno ancora considerando la soluzione in termini prettamente commerciali con un atteggiamento ai limiti della furberia .. come purtroppo molte cose in questo pazzo mondo dell’ HD che tenta di nascere ma si scontra contro le ottusità commerciali dei produttori.


I film sono girati a 24 fotogrammi al secondo (da ora in poi 24FPS) ; la frequenza dello standard PAL è di 50Hz; quella dell' NTSC di 59,94 Hz (diciamo 60 Hz per comodità) fino ad oggi i 24 FPS venivano convertiti nelle rispettive frequenze di funzionamento dei sistemi TV con procedure di telecine separate.

Il sistema PAL accelerava la velocità del film da 24 FPS a 25 FPS e ricavava i 50 Hz "spaccando" il fotogramma in due semiquadri; questo procedimento garantiva (a spese dell' accelerazione del 5%) una resa analoga a quella del cinema per quanto riguarda la fluidità.
L' NTSC invece usava (previo rallentamento di trascurabile entità da 24 Hz a 23,98 Hz) il famigerato pulldown 2:3 ove i semiquadri si ripetevano secondo lo schema Aa-Bbb-Cc ecc... questo garantisce una durata analoga all' originale al cinema a spese della fluidità nelle carrellate.

Questa è la situazione pregressa; dato che il tuo display non può ricevere e trattare segnali 1080p24 .. rimangono solamente le frequenze utili di 1080P50Hz e 1080P60Hz; dato che il telecine di tipo PAL nei Blu Ray è stato abbandonato, sarai costretto ad utiizzare la soluzione a 1080P60Hz che è penalizzante per la fluidità nelle carrellate (non che si veda male comunque....)




accelerazione del 4,16666666.... % si scriverebbe che il filmin pellicola ha un frame rate originale che è del 4,00% inferiore alla trasposizione PAL in DVD... Semplificando il tutto il film è a 24 fps... il DVD sarà a 25 fps ovvero 25p proposto come 50i di accelerazione della frequenza in un secondo di un formato 24p per ottenere un pulldown 2:2 non è del 5% bensì, per essere più precisi, del 4%.


Per cui è HD Ready ma semplicemente non supporta i 24p e probabilmente il punto sta qui, cioè nel dover uscire a 60Hz con il 3:2 pulldown che probabilmente il lettore BluRay in questione effettua molto grossolanamente.
Anche un pulldown fatto correttamente genera comunque una scattosità sconosciuta a noi che arriviamo da 40 anni di PAL cosa che io non sono ancora riuscito a metabolizzare



Con i film se il display ha un buon deinterlacer (argomento non affatto scontato) non esiste differenza fra un segnale 1080i 50Hz e un segnale 1080p50 HZ (dato che i film sono ricavati da telecine a 1080p25 e la risoluzione temporale doppia, i 50Hz, sono derivati dall' applicazione della cadenza 2:2).

Con i segnali di tipo video a 1080i 50Hz la risoluzione verticale varia a seconda della quantità di movimento (e qualità del deinterlacer) fra 540 (massimo movimento) e 1080 (immagine statica) linee verticali.

Se si ha un plasma (purtroppo siamo in minoranza) con lo sport è meglio un buon 720p 50Hz rispetto a un 1080i 50Hz, nelle carrellate laterali ci sarebbe minore percezione di abbassamento della nitidezza (motion blur... che in realtà non è tale) ... Non è un caso che con il calcio in Sky HD (lasciando perdere i problemi di compressione eccessiva o mal fatta) in molti percepiscano che i primi piani bucano lo schermo (sono quasi immobili) mentre si lamentino dei cali di nitidezza nelle carrellate (rinvio con rotazione della telecamera).

skyhd non trasmette a 720p Perché la massa ha display LCD Full HD che a causa della intrinseca lentezza dei pannelli (e relativi trascinamenti) avrebbero comunque un calo di nitidezza con scene movimentate.perchè un segnale "P" occupa più banda di un segnale "I", e se tutti trasmettessero col "P", si riempirebbero i ripetitori e collasserebbe il sistema attualmente in uso (se hai letto il mio link sapresti questo e le altre cose correlate).
... non vanno a rifare da zero tutto il sistema terrestre/satellitare solo perchè tu vuoi vedere "P"... ti dicono "comprati una buona tv che elabori bene il segnale così non te ne accorgi", anche se comunque un pò di differenza la vedrai sempre rispetto ad un segnale P reale perchè sono 2 modi diversi di trattare un segnale, quindi la differenza c'è e ci sarà sempre, basta solo essere un minimo allenati e col tempo te ne accorgi
Ci sono documentazioni (non chiedetemi di ritrovarle sono pigro) in rete che attribuirebbero ai display LCD senza accensione dei circuiti di interpolazione dei frame (le lame rotanti ) una risoluzione in scene movimentate inferiore alle 500 linee verticali
In questo caso i danni alla risoluzione operati dalla risoluzione in movimento si fondono con quelli della intrinseca lentezza dei pannelli LCD.Sky trasmette a 1080i 50Hz se leggi 1080p vuole dire che evidentemente i segnali sono deinterlacciati esternamente.
un segnale a 720p@50 Hz (1 quadro 1280x720=921.600 pixel) occuperebbe meno spazio di un segnale 1080i@50Hz (1 semiquadro 1920x540= 1.036.800 pixel) infatti mi risulta che in altre nazioni vengono tranquillamente utilizzate le risoluzioni 720p.



molte emittenti usano il trucchetto del "HR.HDTV", cioè prendono un segnale 1080 e lo dividono a metà per recuperare spazio, tanto poi basta moltiplicare x2 invece di fare il solito giochetto del 3:2 i set-top-box presenti in Italia sono in grado di decodificare esclusivamente segnali codificati in MPEG2 (anche con trasmissioni codificate in MPG4 H.264 non si è riusciti a scendere oltre il 14Mbs). Il segnale "PAL" ha una larghezza di banda di oltre 7 MHz, ma in realtà la scarsa qualità dei ricevitori TV commerciali (e la pessima qualità degli impianti di ricezione via antenna) ha fatto col tempo ritenere che un segnale di qualità adatto alla trasmissione ha una banda di 5 MHz, sufficienti per risolvere circa 400 linee. Questo è il massimo teorico che può essere trasmesso con la codifica PAL, anche se la qualità ottenibile realmente è inferiore. Se la sorgente è digitale, lo standard di campionamento prevede invece 720 pixel sull'asse orizzontale. 720p sarebbe meglio ma con le strutture che abbiamo qui, questo passa il convento e questo dobbiamo tenerci finchè non si passa al 4k e quindi loro non cambiano infrastrutture con più spazio e più qualità

confrontato un semiquadro 1080 con un quadro intero a 720p.
Quindi a parità di risoluzione temporale 50 Hz anche se si viaggia in progressivo... a 720p si devono far processare meno pixel all' encoder, come risultato a parità di banda otterremo meno compressione oppure a parità di livello di compressione... meno banda occupata.

Il segnale PAL non risolveva più di 320 linee, un banale SVHS (400 linee) lo surclassava ... ma qui il riferimento era con SKY a cui nessuno vieterebbe di utilizzare l' MPEG 4 su su segnali 720p, l' unico motivo per cui non applica tale codifica ai segnali SD è la retrocompatibilità con i vecchi Skyfobox SD.

Fra le altre cose il 720p sarebbe utile esclusivamente per i segnali sportivi, con i film sono dell' opinione che i segnali 1080i 50Hz siano meglio (equivalenti a un 1080 p25Hz).





Cos'è l'hdtv: HDTV è l'acronimo per High Definition TV (televisione ad alta definizione). Questo si traduce nella possibilità di visualizzare immagini più grandi e nitide rispetto alla televisione standard (o SDTV, Standard Definition TV).

L'immagine della televisione è generata da una serie di punti (o pixel), maggiore è il numero di punti maggiore sarà la definizione dell'immagine. Il primo vantaggio dell'HDTV è di avere una definizione doppia o tripla rispetto alla SDTV.

La televisione standard come la conosciamo oggi ha una risoluzione di 720x576 pixel (per il PAL, lo standard europeo) e 720x480 (per l'NTSC, lo standard americano). Queste due risoluzioni sono identificate più semplicemente come 576i e 480i.

L'HDTV invece ha una risoluzione di 1280x720 pixel oppure di 1920x1080 pixel. Queste risoluzioni vengono chiamate 720p e 1080i o 1080p. La "i" e la "p" finale identificano il tipo di scansione dell'immagine: interlacciata e progressiva, che spiegherò fra poco.

Un vantaggio dell'HDTV è che la fonte del segnale è sempre digitale: satellite, DVD, digitale terrestre, computer, console, ecc. Il segnale analogico è soggetto a interferenze dovute alla distanza o ai cavi, con il digitale si ha la certezza che il segnale giungerà invariato durante il tragitto per raggiungere la televisione.

Infine la proporzione (o aspect ratio) tra altezza e larghezza dello schermo HDTV è di 16:9 contro i 4:3 della SDTV. Oltre ad avere più spazio lateralmente, il 16:9 si adatta meglio al formato cinematografico, potremo così godere dei film senza rischio di perdere porzioni di immagini.

Riassumendo i vantaggi dell'HDTV sono: maggiore risoluzione quindi migliore definizione dell'immagine, qualità maggiore grazie al segnale digitale, formato panoramico 16:9 più vicino alle immagini del cinema.
Differenza tra interlacciato (i) e progressivo (p): La modalità interlacciata significa che ad ogni aggiornamento dell'immagine sulloschermo vengono "disegnate" prima solo le linee orizzontali pari, e poi, al ciclo successivo, solamente quelle dispari. L'avvicinamento dei fotogrammi sul monitor avviene così velocemente che il nostro occhio percepisce l'immagine come completa. In teoria, questo comporta un certo decadimento della qualità. Può infatti manifestarsi il fenomeno del flickering, ovvero il fastidioso "sfarfallio" delle immagini sullo scehrmo e gli oggetti in rapido movimento appaiono con contorni poco definiti, ma a questa risoluzione è molto difficile vederli. In compenso la banda passante dei dati è meno pesante, perchè deve gestire "solo" 1920x540 pixel per ciclo di aggiornamento.
In modalità progressive, la risoluzione massima è di 1280x720 (anche se esiste la 1080p, ma è supportata da pochissimi televisori al mondo), ma in questo caso a ogni passaggio l'immagine è disegnata completamente per ottenere la massima qualità di dettaglio seppure con maggiore banda passante e di conseguenza maggiore sforzo per il processore o decoder che la calcolerà.
Connettersi alla tv digitale: Il segnale HD può essere veicolato solo attraverso la presa Component, HDMI/DVI o VGA, ci dovremo quindi assicurare che il televisore da noi scelto abbia almeno una delle tre, anche se l'ideale è che le abbia tutte poiché non si capisce ancora bene quale sarà la "prediletta" per il futuro.
HDMI/DVI
Trattasi della connessione digitale, sicuramente sarà lo standard futuro per quello che riguarda i lettori DVD ad alta definizione poiché utilizza lo standard di protezione anti copia HDCP, anche le emittenti di TV via cavo utilizzano tale connessione. Qualitativamente è al top grazie al flusso digitale dei dati.

VGA
E' la classica connessione dei monitor PC, bisogna assicurarsi che sia presente sul TV che andremo ad acquistare poiché probabilmente sarà la connessione da preferirsi per collegare XBOX360 dal momento che permette di pilotare la risoluzione da mandare a monitor, sarà possibile settare Xbox come sorgente nativa alla risoluzione del nostro TV LCD o Plasma quindi non ci sarà bisogno del processo di Scaling assicurandoci la miglior qualità visiva che la nostra TV potrà permetterci. E questo sarà possibile anche vedendo i film su DVD tramite XBOX.
Il divx-hd: Questo nuovo formato non è altro che un filmato in alta definizione ma con ottime qualità di compressione. Riesce ad abbassare di un quinto la banda passante, portandola sotto i 4mbps. Però arriva solo ad una risoluzione di 720p.
Trovate dei video a questo link:

Please Login HERE or Register HERE to see this link!


L'H.264: L'H.264/AVC (Advanced Video Coding), noto anche con il nome di MPEG-4 Parte 10, è una tecnologia di compressione video sviluppata dal consorzio MPEG.
Questo codec video è stato sviluppato per video ad alta qualità anche a frequenze di trasmissione dei dati inferiori rispetto alle soluzioni attuali, ed è utilizzata per qualunque tipo di periferica: dai televisori ad alta definizione HDTV e DVD, ai telefoni cellulari 3G. I servizi di broadcast basati sullo standard H.264 occupano una banda inferiore rispetto al diffuso schema di codifica MPEG-2, a una frequenza di trasmissione dei bit decisamente inferiore. Gli operatori di broadcasting possono quindi trasmettere in modo economico un numero maggiore di programmi ad alta definizione. L'efficienza della compressione è migliorata di oltre il 50% rispetto al precedente MPEG-2. Attualmente i dispositivi con maggior diffusione ad utilizzare questo sistema di codifica sono l'iPod video e la console Sony PSP.
Trovate molti video hd in h.264 qui:

Please Login HERE or Register HERE to see this link!


Per visualizzarli serve avere installato QUICK TIME 7. Mentre se li volete salvare dovrete avere QUICK TIME 7 PRO. Che io ho
Wmvhd: Non è altro che l'ennesimo formato prodotto dalla casa Microsoft. Questo formato rientra negli standard hd (dal 720p al 1080p) riuscendo a produrre filmati di ottima qualità senza esose richieste per quanto riguarda il processore per l'ellaborazione del video. Trovate un pò di filmati a questo link:

Please Login HERE or Register HERE to see this link!



Passiamo adesso agli archivi da usare per questi flussi di dati spropositati:
HD-DVD e Blu-ray Disc: La quantità di dati necessari per ottenere un film di due ore ad alta definizione è tale che non è possibile contenerli in un DVD. Per questa ragione due nuovi standard si stanno facendo strada sul mercato: l'HD-DVD supportato da Toshiba e il Blu-ray Disc da Sony.

Le case cinematografiche stanno preparando le loro opere in questi nuovi formati oltre che nel classico DVD.

Ancora non è chiaro quale supporto avrà la meglio sull'altro, entrambi presentano pregi e difetti. Mentre l'HD-DVD è un supporto meno costoso, il Blu-ray Disc è più capiente e (sembra) più sicuro.

La PlayStation 3 dovrebbe avere al suo interno un lettore Blu-ray Disc, quindi la divulgazione di questo supporto potrebbe essere avvantaggiata dalla vendita della console come in passato il DVD è stato introdotto grazie alla PlayStation 2. Microsoft invece nella seconda generazione della sua Xbox 360 sembra che supporterà l'HD-DVD, sarà quindi una lotta all'ultimo formato.

Saranno comunque disponibili drive multi-standard compatibili sia HD-DVD che Blu-ray Disc.
In fine parliamo delle compatibilità con le nuove vga
ATI: Come tutti sanno le nuove schede video ati (dalla famiglia x1000 in su) hanno implementato un fantastico decoder chiamato AVIVO. Con questo ati ha permesso, ai possessori di tali schede, di poter usufruire di una "accelerazione" in più rispetto ai pc senza queste schede.
In pratica questo decoder accelera la maggior parte dei flussi. Fra questi gli h.264 (solo con decoder powerdvd a pagamento), mpeg2, mpeg4. Ma non solo. Riesce anche a migliorarne la qualità arrivando ad un risultato sorprendente. Questo decoder riesce anche a decodificare e codificare filmati da un formato ad un altro.
Tutto questo grazie all' AVIVO Video converter. Quest'ultima è un applicazione che sfrutta pienamente le carateristiche di AVIVO arrivando ad effettuare una conversione da un formato all'altro fino all'80% in meno rispetto ad un pc senza questa tecnologia.
Più dettagli su questa tecnologia qui:

Please Login HERE or Register HERE to see this link!


Nvidia Nvidia ha più o meno le stesse potenzialità della rivale Ati per quanto riguarda il decoder. Gli manca solo il l'accelerazione in conversione dei flussi video. Le vga Nvidia esistenti non hanno questa pecuniarità.
Il decoder Nvidia si chiama Purevideo. Questo decoder che è implementato nelle vga dalla famiglia 6000 in su. Qui c'è una griglia con tutte le schede geforce che supprotano tale decoder:

Please Login HERE or Register HERE to see this link!


Come potete vedere non tutte le schede con tale supporto hanno tutte le caratteristiche di questa tecnologia. Diciamo che più una scehda video è nuova e più supporti a vari formati ha.
Per attivare il purevideo bisogna acquistarlo su internet direttamente dal sito Nvidia. Esiste anche una versione dimostrativa di 30 giorni.
L'ultima implementazione immessa nell'aggiornamento al decoder purevideo è stato il pieno supporto all'accelerazione delle vga geforce6 e 7 allo standard H.264, che prima mancava. Anche Nvidia ha implementato delle features per far si che l'immagine venga visulaizzata nitida e con colori stupefacenti.
Qui potete apprezzarne alcune doti:

Please Login HERE or Register HERE to see this link!


Il mio pensiero:
In fine siccome sono un possessore di una vga Nvidia voglio dire la mia per quanto riguarda il decoder Purevideo.
Non è totalmente inutile come dicono alcuni. Delle migliorie si vedono. Piccole o grosse che siano ci sono. Non regge il confronto con il decoder ati. L'AVIVO rende l'immagine più nitida, più schietta. C'era anche un articolo sulla comparazione tra decoder Purevideo e AVIVO proprio su Hardware upgrade, ma non riesco a trovarlo.
Le promesse che nvidia ha dato e che sono state mantenute sono (secondo me) l'accelerazione per mpeg2 e h.264.
Per l'mpeg2 i calcoli del processore vengono dimezzati utilizzando powerdvd6, senza aver acquistato punti decoder Cyberlink, ma solo avendo spuntato l'accelerazione hrdware in pannello di controllo.
Mentre con l'h.264 per usufruire dell'accelerazione da parte della vga bisogna aver installato Windvd7, Nero showtime2, oppure Powerdvd6, insieme sempre al decoder Purevideo.
(Premettiamo però che i calcoli per questi formati vengono effettuati solo dal processore, e che l'accelerazione da parte della scheda video è solo un beneficio in più che possiamo permetterci. Quindi non diperiamoci se si vede a scatti. Questo vuol dire che il processore è sempre troppo poco potente, e non che la vga non funziona correttamente. Perchè queste features permettono di deviare una quantità di dati del flusso video alla vga. Ma NON tutti i dati. Sia chiaro)
Con windvd ho avuto dei problemi con alcuni filmati in h.264. Mentre con Nero showtime2 si vedono che è una bellezza. Avendo anche un piccolo taglio alla quantità di dati che il processore deve calcolare. Diciamo un 10-15% in meno con un processore dual core come il mio 4400x2.
Questo è tutto guadagnato e può servire a coloro che hanno una vga nvidia che supporta tale accelerazione ma al tempo stesso che hanno un processore non molto potente, che non riesce a decodificare i calcoli da solo
HAI VISTO CHE UPLOAD ?


http://www.speedtest...sult/4623450499
 
4623450499.png

www.centroata.com




1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi